Messaggio

COA: Il TAR nega la sospensiva sul regolamento

A pochi giorni dalle elezioni per il rinnovo dei Consigli dell'ordine forense il TAR Lazio si è espresso, sull'impugnativa, proposta dall'Associazione Nazionale Forense, per l'annullamento in parte qua del regolamento del Ministro della Giustizia con riguardo alle modalità previste agli artt. 7 e 9 di candidatura ed elezione dei componenti dei COA. Il Tar del Lazio si è infatti pronunciato negando la sospensiva su tale regolamento, ma sottolineando l'obbligo di osservare il principio del voto limitato a 2/3. Nel decreto n. 6542/14 il Tar del Lazio sottolinea, infatti, l'obbligo di osservanza da parte degli organi competenti del disposto di cui all'art. 28, comma 3, della l. n. 247/12., il quale prevede che "ciascun elettore può esprimere un numero di voti non superiore ai due terzi dei consiglieri da eleggere, arrotondati per difetto".  Il Tar del Lazio con tale decisione ha confermato le indicazione espresse nel parere di rito delle Commissioni Giustizia di Camera e Senato, le quali avevano invitato ad adeguare il testo del regolamento alla previsione dell'art. 28, comma 3 della legge forense e a prevedere modalità di votazione che garantiscano le minoranze.