Messaggio

Geografia Giudiziaria, Cnf: il testo del Ministero della Giustizia ignora gli Ordini forensi

Con riguardo al Comunicato stampa pubblicato ieri sul sito del Ministero della Giustizia, il Consiglio Nazionale Forense rileva che il testo ignora gli Ordini forensi. Infatti, i contenuti annunciati di un decreto ministeriale di cui non è ancora stato diffuso il testo, sembrano aver riguardo alla sola "autorizzazione -per un periodo di due anni a decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto legislativo 2012 n. 155- della trattazione dei procedimenti civili ordinari e delle controversie in materia di lavoro, di previdenza e assistenza obbligatoria pendenti alla data del 13 settembre 2013 presso un numero limitato di sedi soppresse nell'ambito della riforma della geografia giudiziaria". E fanno riferimento ad una "selezione" delle sedi sulla base di criteri indicati nel documento. Il Consiglio Nazionale Forense, preso atto di quanto sopra, si è riunito ieri in seduta amministrativa straordinaria ed ha assunto una delibera per confermare l'interpretazione del decreto legislativo n. 155/2012 già espressa nel parere dell'Ufficio studi inviato al Ministro della Giustizia e agli Ordini forensi il 22 luglio scorso; interpretazione ribadita sia al Ministero della Giustizia che in ogni altra sede istituzionale con fermezza. Ossia che, in mancanza di una espressa disposizione di legge concernente la sorte degli Ordini che hanno sede presso i tribunali soppressi, e di una disciplina dei rapporti di cui essi sono titolari, è inverosimile pensare che alla soppressione dei tribunali possa conseguire automaticamente quella degli Ordini forensi. Ne consegue che tutti gli Ordini oggi esistenti conservano le loro prerogative, dovendo perciò continuare a svolgere i loro compiti istituzionali. Nella lettera di accompagnamento della delibera ai presidenti degli Ordini, delle Unioni regionali, della Cassa forense, dell'Oua e delle Associazioni riconosciute dal Congresso, il presidente Alpa ha convocato una riunione con tutte le componenti venerdì 13 settembre alle ore 10 presso la propria sede amministrativa in Roma in via del Governo Vecchio, 3 nella quale saranno affrontate le questioni aperte della geografia giudiziaria, dei parametri e delle società tra avvocati.

(fonte: CNF, comunicato stampa 6 settembre 2013)